mercoledì 30 ottobre 2013

Torta marmorizzata al cioccolato al latte

Guardando le ricette dei dolci pubblicate in questi due anni, mi sono accorta che, della torta che sicuramente preparo più spesso, c'è solo una ricetta, quella di Cristina. 
Che strano! La preparo così spesso eppure poi tante volte finisco per non pubblicarla. Forse perchè la considero una torta familiare, fatemi passare il termine, e quando mi metto a farla, raramente mi porto dietro la macchina fotografica. E' una cosa tra me e lei, un affare di famiglia appunto! 
Non avete anche voi un tipo di piatto che considerate intimo e che fate fatica a condividerlo con gli altri, non perchè siate gelosi della ricetta ma perchè proprio è una cosa vostra? Per me probabilmente è la torta marmorizzata. Potrei aprire un blog completamente dedicato alla torta marmorizzata, visto tutte le ricette che ho provato fino ad adesso. Del resto è un pò come la torta di mele, si possono fate talmente tante varianti che non si finisce mai di sperimentare.
Questa di oggi ha una piccola variante alla mia solita torta, che prevede di solito o cacao o cioccolato fondente extra, ed è il cioccolato al latte. Anche il colore, come vedete dalle foto, è un pò più chiaro e il gusto è un pò più delicato. Io però preferisco la versione con il cioccolato fondente extra al 70%, la mia passione.
E' una torta facile facile, vi potete far aiutare anche dai vostri bambini. Io stessa una volta mi sono fatta aiutare dalla mia nipotina, che ha 4 anni, ed è stato uno spasso.




venerdì 25 ottobre 2013

Strudel di zucca e ceci

Mi ero completamente dimenticata di questa ricetta, ma per fortuna c'è stata Elisiana a ricordarmela.
L'altra mattina mi è arrivato un suo messaggio in cui chiedeva consiglio per questo strudel, cioè chiedeva se si poteva congelare e nel caso si potesse, se era meglio congelarlo già cotto o crudo. 
A lei questo strudel piace un sacco e lo fa spesso, deve essere diventato uno dei suoi piatti forti assieme alla mia crostata di cioccolato e pere
Effettivamente è proprio buono e piace anche a chi la zucca non è che faccia poi impazzire così tanto. Secondo me perchè ci sono i ceci che vanno a smorzare il sapore leggermente dolciastro della zucca e poi quel profumo di timo che ne esalta il gusto.
Questa volta però, Elisiana ancora non lo sa, ho introdotto un altro ingrediente, l'asiago d'allevo di tipo vecchio, giusto una grattugiata. Questo tipo di formaggio, infatti, essendo un pò piccantino, se messo in quantità maggiori,  coprirebbe tutti i sapori in particolare il gusto della zucca.
Eliiiii devi venire su a prenderti l'asiago! 
Se non riuscite a procurarvelo potete farne tranquillamente a meno oppure potete sostituirlo con un altro formaggio stagionato un pò piccante, però, mi raccomando, giusto una grattugiata.
Per quanto riguarda il congelamento dello strudel, certo che si può. Mettetelo in congelatore da crudo e infornatelo direttamente ancora congelato. 







domenica 20 ottobre 2013

Arrosto ripieno ai funghi porcini

Questo è un piatto delle feste, uno di quei piatti che vi permetteranno di fare bella figura e che per fortuna richiede un tempo di preparazione molto breve. Inoltre può essere preparato in anticipo e riscaldato al momento di servirlo e ditemi se non è poco quando avete mille cose da fare.
All'interno ci sono i funghi porcini trifolati, io ho usato quelli freschi ma anche con quelli surgelati non è male. 
Come taglio di carne potete usare l'arista di maiale, ma anche il filetto è indicato e se poi il maiale proprio non vi piace potete usare il tacchino. 




Ingredienti per 6 persone
  • 800 di arista di maiale 
  • 400 g funghi porcini
  • 1/2 bicchiere vino bianco
  • olio extra vergine d'oliva
  • prezzemolo
  • spicchio d'aglio in camicia 
  • rosmarino
  • sale 
  • pepe nero

mercoledì 16 ottobre 2013

Paccheri ripieni al profumo di timo

Un pacco di paccheri giaceva nella mia dispensa da circa otto mesi, ogni tanto prendevo in mano la confezione, la guardavo in cerca di un'ispirazione e poi andava a finire che la rimettevo al suo posto. Tutto questo fino a sabato pomeriggio quando mi è venuto il pallino che il giorno dopo, cascasse il mondo, avremmo mangiato paccheri. 
Paccheri si, ma come? Con un sugo di pesce? No, di sabato pomeriggio non avrei trovato nemmeno l'ombra di un pesciolino. Ripieni di carne? No, troppo simili alle lasagne alla bolognese. Con salsiccia e funghi? No troppo pesanti. 
Poi l'illuminazione al ricordo della presenza delle zucchine e della ricotta in frigo, e la decisione finale: paccheri ripieni alle zucchine, ricotta e prosciutto cotto, quello sarebbe stato il piatto forte della domenica!




Ingredienti
  • 250 g paccheri
  • 3 zucchine medie
  • 100 g ricotta
  • 100 g prosciutto cotto
  • parmigiano reggiano grattugiato
  • sugo di pomodoro
  • besciamella ( dose da 250 ml di latte)
  • cipolla
  • timo
  • olio extra vergine d'oliva
  • sale

venerdì 11 ottobre 2013

Chocolate Chunk Peanut Cookies, biscotti al burro d'arachidi

Tutto è nato dalla necessità di dover consumare delle arachidi che erano in dispensa da un pò e che mi chiedevano pietà ogni volta che aprivo lo sportello. Alla fine la ricetta giusta l'ho trovata, ma per le arachidi era un pò troppo tardi e sono dovuta andare a comprarne delle nuove. 
La questione va avanti da luglio, prima avevo pensato di farci un piatto salato, poi una crema dolce-salata e alla fine sono approdata ai biscotti. Ho preso spunto dalle innumerevoli ricette che si trovano su pinterest e l'ho modificata un tantino, soprattutto nello zucchero, che io ho ridotto.
Sono dei biscotti americani, in cui si trova anche il burro d'arachidi, che io adoro follemente e che invece ad alcuni non piace, per cui o li amerete o li odierete. A me è andata bene e sono piaciuti a tutti. 
Con questa ricetta vengono fuori all'incirca cinquanta biscotti, dipenderà da quanto grandi li farete.



Ingredienti
  • 325 g farina 00
  • 200 g burro morbido
  • 250 g burro d'arachidi
  • 190 g zucchero semolato
  • 190 g zucchero di canna integrale
  • 100 g arachidi tostate non salate
  • 250 g gocce di cioccolato
  • 3 uova piccole o 2 grandi
  • 1 cucchiaino e mezzo lievito per dolci
  • 1 cucchiaino bicarbonato di sodio
  • 1/2 cucchiaino sale 

lunedì 7 ottobre 2013

Crema di zucca e patate al profumo di rosmarino

Questi primi giorni d'ottobre sono in assoluto i giorni dell'anno, assieme agli ultimi quindici giorni d'aprile, che mi piacciono di meno! Fuori c'è freddo, in casa la temperatura è di circa 20 gradi e c'è un'umidità niente male....speriamo che arrivi in fretta il 15 ottobre così da poter accendere il termo! 
Voi cosa fate per riscaldarvi e superare indenni il periodo? Io accendo il forno, che dopo 3 mesi d'inattività, è ai lavori forzati, poi mi do alle tisane, ai caffè latte, alle minestrine e alle immancabili creme di verdura.
In partiolare, in questi primi giorni d'autunno mi piace il colore arancione, per cui vado avanti con tutto il repertorio a base di zucca, fatto di risotto, zucca alla piastra, torta al cioccolato, e nel quale non può mancare la crema.
La crema di oggi oltre alla zucca ha anche la patata che smorza un pò il sapore della zucca e la rende più appetibile anche a chi la zucca non piace tantissimo.
E' una ricetta dell'ultimo minuto, mezz'ora al massimo tra preparazione degli ingredienti, cottura e frullatina col mixer, perfetta per chi lavora fino a tardi o non ha voglia di passare tempo ai fornelli.





Ingredienti
  • 500 g zucca già pulita
  • 3 patate medie
  • 1/4 cipolla bianca
  • rametto di rosmarino
  • sale
  • olio extra vergine d'oliva
  • pepe nero
  • brodo vegetale
  • parmigiano reggiano

In una pentola antiaderente fate rosolare la cipolla con l'olio, aggiungete, gli aghi di rosmarino, la zucca e le patate tagliate a dadini e fate rosolare.


Unite il brodo caldo in modo da coprire le verdure. 


Portate a cottura e se serve aggiungete sale. Frullate il tutto con un frullatore e completate con il parmigiano e una macinata di pepe.
Servite immediatamente.