lunedì 14 dicembre 2015

Panettone all'albicocca e cioccolato con lievito di birra

Quest'anno avevo deciso di appendere le presine al muro e di comprare il panettone Giotto del carcere di Padova, secondo me, uno dei più buoni. Ma già dal primo dicembre sulla mia home di facebook è stato un tripudio di panettoni, colpa di Paoletta ed Adriano che nel loro gruppo hanno organizzato un cucinare insieme. Rimaneva però il problema del lievito madre che, questa estate ho fatto passare a miglior vita, e che non avendolo più a disposizione, mi tratteneva dal mettermi ad impastare. Poi un giorno Morena ha postato la ricetta del panettone con albicocca e gocce di cioccolato ed io davanti a quel tripudio di tanta bontà non ho saputo resistere. Il giorno dopo ero già all'opera!
La ricetta prevede il lievito di birra, quindi non avete scuse per non provarlo. Mi rendo conto che fare un panettone è impegnativo ma con le giuste direttive, guardando un pò di video e con la pratica, otterrete degli ottimi risultati. Io ho fatto dei piccoli cambiamenti alla ricetta di Morena, sia negli ingredienti che nel procedimento, ma piccole cose.




martedì 10 novembre 2015

Tiramisù di Montersino con pastorizzazione delle uova

Io adoro il tiramisù, ne mangerei a vagonate e questo poi è buonissimo. In effetti, visto l'autore della ricetta, non poteva essere diversamente.
Come sempre, quando sono previste uova crude, ho eseguito la pastorizzazione, si allunga di pochissimo il procedimento ma si è più sicuri, evitando il rischio di salmonellosi.
E' un dolce che va fatto in anticipo, secondo me, mangiato il giorno dopo è ancora più buono! Vi può essere utile quando avete in programma pranzi o cene, in cui avete tanta roba da preparare. 
La crema a mio avviso rimane un pò morbida, per cui consiglio di prepararlo direttamente in bicchieri monoporzione oppure di aggiungere alla crema un foglio di colla di pesce. Un'altra piccola modifica da fare è, secondo me, diminuire di pochissimo lo zucchero, tenete conto del fatto che a me non piacciono i dolci con tanto zucchero.




martedì 16 giugno 2015

Pudding al latte e pistacchio, muhallebi

Tra pochissimi giorni inizierà l'estate e speriamo sia un'estate un pò meno piovosa della scorsa, calda ma non troppo. Troppe pretese, vero? Passiamo al dolce va, che è meglio!
Questo dolce mi ha accompagnato per tutto il viaggio, che la scorsa estate, abbiamo fatto in Turchia. Ne ho mangiati tantissimi e cosa stranissima, non mi sono mai stancata di mangiarlo. In questo periodo, in cui accendere il forno è improponibile, questo tipo di dolce è l'ideale, si può preparare in anticipo, in breve tempo e senza scaldare la cucina. Che volete di più?
Come tradizione vuole, anche questa volta ho comprato un libro di cucina, naturalmente non in turco, lingua della quale non so dire nemmeno buongiorno o buonasera, ma in un più comprensibile inglese.
Il titolo è "Turkish meze" ed è della brava Sevtap Yuce, che a dire la verità mi somiglia anche tantissimo, tanto che mia suocera guardando una sua foto, l'ha scambiata per me. Non per niente, in Turchia, mi parlavano tutti in turco scambiandomi per una loro concittadina, salvo poi capire immediatamente dalla mia faccia che quella non era la lingua giusta.
Torniamo a questo milk pudding, muhallebi in turco, che vi consiglio di preparare la sera prima o comunque 5-6 ore prima, visto che ha bisogno di riposare in frigo.



venerdì 22 maggio 2015

Asparagi al parmigiano

Tornate a casa tardi e non avete tempo di cucinare nulla di complicato? Allora questo è il piatto che fa per voi! 
Tempo 20 minuti e riuscirete a mettere in tavola un'insalata davvero niente male. E' proprio quello che è capitato a me. 
L'altra sera sono tornata a casa con un pò di ritardo e anche senza tanta voglia di mettermi lì a spignattare. In casa avevo degli asparagi con i quali avrei dovuto fare un risotto, al contrario di oggi però, c'era caldo e non mi andava di mangiare niente che fosse caldo. Mi è venuta in mente questa ricetta, che avevo visto nel blog di Sabina "due bionde in cucina", e tempo 20 minuti gli asparagi erano già in tavola. 




Ingredienti
  • asparagi verdi
  • parmigiano reggiano
  • olio extra vergine d'oliva
  • aceto balsamico
  • sale

Pulite gli asparagi pelandoli con un pelapatate ed eliminando la parte legnosa. Lessateli in un pentolino alto e stretto, lasciando le punte al di fuori dell'acqua in modo che rimangano sode. Una volta cotti gli asparagi lasciateli raffreddare e grattugiateci sopra del parmigiano.
Preparate un'emulsione con olio, aceto e sale e conditeci gli asparagi, quindi serviteli subito. 

 


mercoledì 13 maggio 2015

Vellutata di asparagi e caprino

Ho così tante ricette da pubblicare e pochissima voglia di farlo, più che altro la scocciatura più grande sta nel decidere quale foto mettere e poi passare alla modifica. Intanto, per iniziare, vi mostro questa deliziosa vellutata di asparagi, lo so che l'aspetto non è proprio invitante, ma vi assicuro che è di una bontà unica.
L'ho già preparata diverse volte ed è buona sia servita calda che fredda.
Per questa ricetta non troverete le foto del procedimento, del resto è così facile prepararla che non c'era alcun motivo di farle.

  

martedì 28 aprile 2015

Torta al cioccolato fondente (solo albumi)

Guardando l'elenco dei dolci mi sono accorta che mancava una ricetta di torta al cioccolato. Ahhhhhh, come è potuto accadere che una maniaca del cioccolato non ne abbia pubblicata nemmeno una. Io adoro la torta al cioccolato, potendo a colazione mangerei solo quella, ma la linea e il tempo a disposizione non sempre lo permettono. 
Questa ricetta, presa dal blog "semplici bontà", mi ricorda quella di suor Germana, che cucinavo sempre i primi anni dell'università e che per mia disgrazia ho perso. Era una ricetta che si trovava in una agenda rossa di suor Germana e che si usavano 5 albumi, poi più niente. Se qualcuno l'avesse e mi facesse avere la ricetta, mi farebbe un grande piacere.
Questa torta è fatta di soli albumi e di cioccolato fondente, per cui se avete ancora uova di Pasqua, ne potete approfittare. Io la preparo quando ho da smaltire gli albumi che mi avanzano dalla frolla o dal tiramisù, ma se non avete niente da smaltire, in commercio si trovano anche gli albumi pastorizzati.



venerdì 3 aprile 2015

Colomba pasquale con lievito madre

Dopo due anni di sciopero, a inizio di marzo, ho deciso di fare la colomba. Ho chiamato la mia spacciatrice, Serafina, che mi ha rifornito di un pezzo di pasta madre e che pasta madre, sembra un oggetto posseduto per quanto è bella arzilla.
La colomba è una preparazione lunga, sia per i tempi di lavorazione che per quelli di lievitazione, ma vi assicuro che ne vale la pena, perchè una volta assaggiata quella artigionale, le altre non vi piaceranno più. 
Ogni volta mi chiedo perchè mi caccio in questi pasticci! Tra rinfreschi della pasta madre, impasti vari e qualche intoppo, si perchè di sicuro qualcosa che non va c'è sempre, arrivo alla fine che sono stanchissima. Per fortuna però il giorno dopo le fatiche sono acqua passata e rimane un dolce con cui fare colazione.
Quest'anno ho scelto di provare la colomba del blog profumo di lievito di Adriano Continisio. Con questi ingredienti otterrete 2 colombe da 750 g o 3 da 500g.




martedì 17 marzo 2015

Zeppole al forno

In questi giorni su facebook non si vedono altro che zeppole ed io, che mai in vita mia le avevo fatte, ho deciso che quest'anno non potevo esimermi dal farle.
In Puglia sono un classico di San Giuseppe, non c'è pasticceria che in questi giorni non li ha nel suo bancone . Qui a Padova invece non c'è un dolce tipico per la festa del papà e di zeppole non se ne vedono, peccato perché non sanno cosa si perdono.
La ricetta l'ho presa dal blog, la cucina di Federica, e ho fatto bene perché sono davvero buone.




domenica 1 marzo 2015

Muffins al cioccolato su vin cotto di fichi

Sabato pomeriggio ho ospitato nella mia cucina Domenico, farmacista e pugliese come me, anche lui appassionato di cucina e autore di un blog, ciak si mangia, da poco tempo . E' da un pò che Domenico aveva in testa di fare due dolci, entrambi al cioccolato, uno con una le cime di rapa e l'altro con vin cotto di fichi. Aveva le idee chiarissime sugli ingredienti, ma non su come agire praticamente, così ha chiesto il mio aiuto. Abbiamo convenuto che sicuramente il muffin era la soluzione migliore, un muffin cioccolatoso, con cioccolato fondente al 70%, che contrastasse sia con il dolce del mosto di fichi che della marmellata di cime di rapa. Decise le ricette è stato un gioco da ragazzi, in poco più di due ore abbiamo preparato tutto.





martedì 17 febbraio 2015

Migliaccio, torta di semolino

Dai dai ce l'ho fatta, appena in tempo per mostrarvi questo dolce di carnevale!
Avete notato che praticamente quasi tutti i dolci carnevaleschi sono fritti? Una bontà per il palato ma non proprio salutari, certo però che buoni: frittelle di tutti i tipi, con e senza creme varie, galani, chiacchiere, ce n'è per tutti i gusti. Mangiare per un mese solo dolci fritti però non è il massimo, per fortuna la tradizione napoletana ci viene incontro con questo dolce light, secondo me il più leggero che io abbia mai preparato.
È un dolce a base di semolino e ricotta, un dolce delicato e profumato agli agrumi della costiera, buonissimo tiepido ma anche freddo, qualcuno ci mette anche un po' di limoncello, io ho evitato.



giovedì 29 gennaio 2015

Quiche ai funghi e salmone

A Padova in questi giorni fa freddo e con il forno acceso si sta benissimo. In queste sere ne ho approfittato per provare qualche nuovo piatto, una torta di mele, che devo però rifare con qualche modifica, e questa quiche. La ricetta è del blog La popotte de Manue, uno dei blog francesi che seguo e che adoro, ci trovo sempre un sacco di ricette carine e appetitose, sia dolci che salate. Questa con i funghi e il salmone è una ricetta presa proprio da questo blog. 
Io adoro le quiches, con poco e in poco tempo si riesce a portare in tavola qualcosa di buono e che di solito piace a tutti. E'  perfetta come secondo, ma anche come antipasto, magari servita in monoporzione.




lunedì 19 gennaio 2015

"Bussolà" al miele

Il mese scorso vi avevo mostrato la ricetta dei bussolà , che grazie a Fabiano, buranese, ho finalmente imparato a fare. 
Come al solito però la  mia testolina non ha saputo resistere e così mentre Fabiano impastava, si è messa a pensare a come rendere diversa quella ricetta e così eccoli qua, i miei "Bussolà" al miele. Le virgolette in questo caso sono assolutamente d'obbligo perchè è vero si che la base del biscotto è più o meno la stessa, ma ho aggiunto un ingrediente che ha cambiato non di poco il risultato finale, rendendolo diverso sia per sapore che per consistenza. Rispetto ai bussolà classici questi sono molto più friabili e aromatici, secondo me sono più adatti per essere accompagnati da un te o da una tisana.





lunedì 12 gennaio 2015

Lasagne con zucca e porcini

Come mangerei volentieri adesso questa lasagna, penso che leccherei anche il piatto! Invece mi tocca mangiare solo tempestine, frullati, yogurt e stracchino, venerdì ho tolto due denti del giudizio e masticare qualunque cosa è un'impresa impossibile in questi giorni. Mi sa che la sognerò questa notte, era così buona, la pasta si scioglieva in bocca e quella crema, uhmmmm che voglia.
L'ho cucinata a fine ottobre ma voi siete ancora in tempo per usare le ultime zucche. Per i porcini potete tranquillamente prendere quelli surgelati, anch'io ho usato dei porcini surgelati che mi avevano regalato a settembre.
Come al solito ne avevo preparato due teglie, una l'avevamo mangiata subito e l'altra l'avevo surgelata. Da un pò di tempo faccio sempre doppia porzione, così ne ho una di scorta che all'occorrenza prendo dal congelatore e metto direttamente in forno, senza scongelarla.