domenica 8 aprile 2012

Pastiera napoletana

Oggi ho l'impressione che il tempo scorra più velocemente... o sono io che come al solito mi ritrovo a fare mille cose all'ultimo minuto? E' da una settimana che avevo già tutto pronto per fare la pastiera ma alla fine, tra una cosa e l'altra, non ho potuto mettermi all'opera che ieri mattina, e così mi sono ritrovata alle 10 di oggi con ancora le foto da fare e il post da scrivere! Mi perdonate vero?
Prima di tutto vi faccio gli auguri di una santa Pasqua e Pasquetta da passare in armonia con i vostri cari, parenti o amici che siano.
Nell'attesa della ricetta che spero di riuscire a mettervi oggi pomeriggio vi lascio con il mio dolce, la pastiera napoletana. Io sono pugliese d'origine e veneta d'adozione ma alla tradizione pasquale napoletana non ci rinuncio e così sulla nostra tavola oggi non ci sarà la colomba bensì questa meraviglia che si scioglie in bocca.




Come promesso eccomi di ritorno pronta a scrivervi la ricetta che, date le mie origini, non è certo di famiglia; a passarmi due anni fa la ricetta è stato un amico napoletano doc, ovvero Luigi. Ho sempre seguito meticolosamente il suo procedimento, ma qualche cambiamento alla ricetta originale l'ho apportato; si tratta di piccole cose come la quantità di zucchero e il tipo di frolla. 
La pastiera va fatta con qualche giorno d'anticipo, l'ideale è cuocerla il venerdì per mangiarla domenica, quindi dovrete iniziare a preparare la ricotta il giovedì. Si può fare anche il giorno prima ma il sapore non sarà lo stesso, più i giorni passano e più la pastiera diventa buona.


Ingredienti per una pastiera da 26 cm e una da 22 cm

Frolla
  • 500 g farina 00
  • 250 g burro
  • 200 g zucchero a velo
  • 5 tuorli
  • 1 limone buccia
  • mezza bacca di vaniglia semi
  • 1 cucchiaio di aroma millefiori

Crema di ricotta
  • 580 g grano cotto (1 vasetto)
  • 500 g ricotta misto pecora
  • 300 g zucchero semolato 
  • 6 uova
  • 4 cucchiai rasi di aroma millefiori
  • 2 limoni buccia
  • 250 ml latte 
  • mezza bacca di vaniglia semi 


Setacciate la ricotta e mescolatela con lo zucchero, questo va fatto il giorno prima di quello in cui cuocerete la pastiera.
Il giorno dopo lavate il grano sotto l'acqua corrente in modo da eliminare totalmente il liquido di conservazione e quella patina bianca gelatinosa. Cuocete a fuoco medio basso il grano in 250 ml di latte e la buccia di un limone fino a quando il latte non si sarà completamente assorbito e fatelo raffreddare.


Preparate la frolla impastando velocemente tutti gli ingredienti e fatela riposare in frigo per un paio d'ore. 


Prendete la ricotta con lo zucchero e lavoratela con le fruste in modo da ottenere una crema, unite il grano e lavorate ancora con le fruste. Unite le uova sbattute con le fruste precedentemente e mescolate. Aggiungete alla crema la buccia grattugiata di un limone,  l'aroma millefiori e i semi di metà bacca di vaniglia.


Stendete la frolla e foderate la tortiera, riempitela con la crema di ricotta e ricopritela con le strisce tagliate belle larghe.


Infornate a 180 °C fino a quando la superficie non sarà ben dorata. Fate comunque la prova stecchino, se questo sarà troppo bagnato dovrete continuare la cottura. La mia ha cotto per circa 45 minuti.




Buona Pasqua a tutti!  

15 commenti:

  1. mmmm...cara Mary,
    pastiera perfetta!!!
    Grazie per avermi citato e buona magnataaa!!
    Aummaaaa!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Luigi che con la tua ricetta hai portato un pò della tua tradizione nella mia casa.

      Elimina
  2. Questa pastiera è buonissima!! Veramente buonissima!!
    ..ecco , oramai lo farò il prossimo anno , però mi piace
    l'idea di prepararla con molto anticipo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sandra! Almeno non si ha l'assillo del dolce all'ultimo minuto.

      Elimina
  3. Buonissima Mary! Auguri anche a te ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Miranda, buona Pasquetta.

      Elimina
  4. La sto infornando ora....non la mangerò di sicuro per Pasqua!!!!
    ...naturalmente con aroma millefiori!!!
    La tua era buonissima!!!

    RispondiElimina
  5. Che bello, io l'ho mangiata a colazione con cappuccino.
    Aroma rigorosamente millefiori....grazie Serafina!

    RispondiElimina
  6. che buona!!!anch'io pugliese amo la pastiera..ma quest'anno non ho avuto tempo per prepararla...mi accontento della tua meravigliosa presentazione!!!complimenti e ti seguo con molto piacere!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ninì, vado a sbirciare nel tuo blog!

      Elimina
  7. Bellissima anche quest'anno cara Mary!!!
    Luigi è stato la musa ispiratrice di entrambe (è lo stesso vero?), ma quest'anno la dieta non mi ha permesso di prepararla....non avrei potuto resistere alla tentazione!!
    Un bacio.
    Stella

    RispondiElimina
  8. Si si è lo stesso Luigi, non lascio più la sua ricetta!
    Mannaggia alla dieta, ti rifarai l'anno prossimo.

    RispondiElimina
  9. Amo la pastiera napoletana.. pensa che prima era così fissata che ogni volta che scendevo a napoli compravo 12 barattoli di grano precotto e tutti gli altri aromi per farla.. volevo tutto del posto e averlo sempre a portata di mano :)
    la tua è buonissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Antonella, mi fa molto piacere che ti piaccia!

      Elimina
  10. Sembra moooolto buonaaaaa!!!! *____*
    Ho un sacco di ricette tue che vorrei provare!!!
    Brava Mary come sempre!

    RispondiElimina