sabato 8 dicembre 2012

Strudel di mele di Pellegrino Artusi a modo mio

In questo periodo avrete notato sicuramente la mia latitanza ma mi perdonerete visto che sono impegnatissima per via del trasloco. Dopo 12 anni lascio il mio amato appartamento, con le sue stanze piccole, la cucina non certo spaziosa ma stracolma delle mie numerosissime pentole e attrezzi di ogni genere, dai pelapatate, indispensabili per ogni cuoca, allo scavino per il melone, sia mai che mi capiti di dover fare delle palline per un dolce, dall'affetta tartufi, che poi a me nemmeno piace, al denocciolatore per olive. Ora sta per iniziare una nuova avventura, avrò una cucina piccola ma questa volta a mia completa disposizione e soprattutto avrò molto più spazio e luce per fare le foto, e che luce ragazzi, forse anche troppa visto il numero delle finestre che dovrò pulire... ma questa è un'altra storia.

Per questa occasione ho pensato ad un dolce semplice, una ricetta del passato di Pellegrino Artusi, che guarda al futuro, visto che lo strudel non è arrotolato in maniera classica. 




Ingredienti

Pasta strudel
  • 250 g farina 00
  • noce di burro
  • 1 uovo
  • 1/2 bicchiere di latte tiepido
  • sale 

Ripieno
  • 500 g mele a pezzetti
  • 80 g uvetta
  • 100 g burro fuso
  • cannella
  • 2 cucchiai di pinoli
  • pan grattato



Preparate la pasta impastando la farina con l'uovo, il burro morbido e un pò di latte. Aggiungete latte fino a quando otterrete una palla compatta e lavoratela per almeno 5 minuti.


Copritela e lasciatela riposare 30 minuti. 
In una ciotola mescolate le mele, i pinoli, l'uvetta, la cannella e il burro fuso, conservandone un pochino. 
Stendete la pasta dello spessore di 3-4 mm, cospargete di pan grattato e disponete sopra il ripieno.


La tradizione vorrebbe che il ripieno fosse steso per tutta la pasta e poi che lo strudel fosse arrotolato. Io ho messo invece il ripieno al centro, ripiegato i bordi laterali e poi chiuso appoggiando sopra i due lati.
Spennellate con il burro fuso e infornate in forno caldo a 180 °C per 40 minuti.




 

16 commenti:

  1. Che bello Mary!! So già che sarà buonissimo perché tempo fa l'ho preparato anch'io.
    A presto, Barbara

    RispondiElimina
  2. Proprio ieri l'ho rimangiato con la pasta sfoglia, ma avevo in mente in realtà proprio lo strudel di Artusi! Tanti auguri per la nuova cucina!
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Laura! Anch'io ogni tanto lo faccio con la sfoglia, mi piace anche così.

      Elimina
  3. strepitoso, anche io lo faccio con la pasta strudel e non con la sfoglia come fanno in molti. ciao e buona domenica kiara

    RispondiElimina
  4. Mary ma che buono, anche se non ha la classica spirale appunto Strudel, è bellissimo e golosissimo, io quest'anno lo devo ancora fare ma al più presto devo rimediare, io con l'arrotolo, e poi mi tocca farne due con i golosoni che ho in casa.
    Complimenti per la nuova casa.
    Ciao da Lady D.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Diana, fai bene a farne due...quello della foto è durato tre ore.

      Elimina
  5. Mary, con affetto auguriamo a te e guido un sereno Natale!
    Baci
    Francesco e Livio

    RispondiElimina
  6. tantissimi auguri di Buon Natale !!!!!

    RispondiElimina
  7. Questo strudel sembra straordinariamente buono! E lo capisco solo grazie alle foto.. :)

    RispondiElimina
  8. pf qualcuno mi sa consigliare come rendere la pasta più morbida. Mi viene sempre troppo dura.

    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai provato questa pasta o un'altra ricetta? Forse la stendi troppo spessa...

      Elimina