lunedì 7 gennaio 2013

Lorighittas

Penso che fare la pasta fresca sia terapeutico, almeno per me lo è sempre stato. Siete incavolati neri, siete un pò tristi, siete con l'adrenalina a mille e non riuscite a calmarvi? Prendete un pò di farina, di acqua e mettetevi a far pasta vedrete che nel giro di un'ora starete meglio! Io ogni tanto lo faccio e funziona, più dello spendere soldi in caccavelle da cucina. 
L'impasto che uso di solito è sempre lo stesso, ovvero quello di acqua e semola rimacinata di grano duro, la ricetta la trovate qui: http://dinneratmarys.blogspot.it/2011/11/impasto-base-per-la-pasta-fresca-di.html, mi sono sempre trovata bene e continuo ad usarla...comunque se voi usate altre ricette e metodi fatemi sapere.
Questo formato di pasta è sardo e si accompagna molto bene a piatti a base di pesce e verdure, ce li vedo benissimo con un sugo al pomodoro e misto scoglio.
Come al solito la ricetta è accompagnata anche da un filmato perchè nella pasta fresca è più semplice spiegare con un filmato piuttosto che con le foto e la descrizione del passo passo.  





Ingredienti per 1 persona
  • 125 g semola rimacinata grano duro
  • circa 80 g acqu (quella che assorbe la semola)
  • pizzico di sale


Preparate l'impasto con il solito metodo: http://dinneratmarys.blogspot.it/2011/11/impasto-base-per-la-pasta-fresca-di.html e mettetelo a riposare per almeno trenta minuti. 
Prendete l'impasto, tagliatene un pezzetto e stendetelo a  formare un cordoncino sottile del diametro di mezzo centimetro o anche meno. Arrotolate il cordoncino sulle tre dita facendo due giri e fissatene le estremità in modo che non si apra.


Tenete fermo con una mano il  doppiogiro e con l'altra mano fate girare la pasta in modo da intrecciarla.


Et voilà avrete fatto la vostra prima lorighittas. Se non ci avete capito assolutamente nulla di come fare, guardate questo filmato.


Più semplice ora?
Fate riposare la pasta qualche oretta spolverandola con un pò di semola e poi cucinatela. Se volete potete anche congelarla.

   
 

   

13 commenti:

  1. bella pasta!!!
    Consigli sul condimento?

    Ne approfitto: Buon Anno!!!
    un bacio.
    Stella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dirai....ma leggi bene Stella....hai ragione...sapendo quanto sei precisa sono andata a rileggere...ho risposto di getto...
      Un bacio!

      Elimina
    2. Buon anno anche a te Stella!!
      Ahahah che ridere.

      Elimina
  2. impastare come terapia antistress è una buona idea :-) visto anche il risultato

    RispondiElimina
  3. Complimenti, la pasta sarda oltre ad essere buona è una vera e propria opera d'arte!!! Bravissima ed ancora buon anno!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon anno anche a te Resy e grazie!

      Elimina
  4. pasta con i botti questa, meravigliosa Mary e poi, come sono d'accordo con te: impastare rimette in pari con il mondo anche secondo me! Impasta che ti passa, si potrebbe fondare un club insieme!
    baci
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il club delle impastatrici...secondo me avremmo un folto seguito!

      Elimina
  5. Anche per me è terapeutico, mi rilassa tantissimo!!! Questo formato non lo conoscevo, mi piace così tanto, ci provo in settimana!!
    Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Waw ci ho messo poco a convincerti! Hai già scelto il condimento?

      Elimina
  6. Che bella !!! Un formato che non ho mai visto.
    Ti ringrazio per avercelo mostrato.
    Ti faccio tanti Auguri di Buon Anno e buon fine settimana.
    Incoronata

    RispondiElimina
  7. Complimenti per la pazienza!!!!

    RispondiElimina