lunedì 22 luglio 2013

Madrid

Avete letto il penultimo post? Vi avevo lasciati scrivendovi di essere di corsissima e che vi avrei raccontato in seguito il motivo di quella fretta, ebbene il motivo era la valigia ancora praticamente da preparare e altre cose da sistemare in meno di mezza giornata. 
Io e Guido, infatti, abbiamo approfittato delle mie ferie per passare qualche giorno a Madrid, ospiti di due nostri amici, Guille e Fabio e dei loro due bambini, che ci hanno spalancato le porte della loro casa e ci hanno accolto nella loro splendida famiglia. 
Peccato che quei giorni siano volati alla velocità della luce, ce ne sarebbero voluti il doppio! Se non altro per visitare il museo nacional del Prado, che come dice Guille, è il più importante della Spagna e non si può non visitarlo se si va a Madrid. Ma io gli ho preferito una mostra di Salvador Dalì e una di Pissarro, con i rispettivi musei che li ospitavano, e il negozio del village a Las Rozas. Pensate che in questo village c'era un negozio Le Creuset che aveva le pentole al 50%, e dove volutamente non sono entrata, perchè altrimenti mi toccava imbarcare un'altra valigia...poi chi lo sentiva Guido.
Comunque sono stati dei giorni meravigliosi, in cui ci siamo rilassati e adeguati completamente alle abitudini spagnole, dagli orari dei pasti alla loro cucina. Mannaggia a te Guille, ora Guido la domenica a colazione, vuole il tost con il prosciutto!
La cucina spagnola a me è piaciuta moltissimo, dal chorizo al jamon serrano, dalla tortilla de patatas alle empanadillas de atun (una sorta di panzerotto di pasta matta fritto con all'interno tonno e cipolla), per non parlare della fabada asturiana (una zuppa di fagioli) e del cochinillo asado (maialino da latte arrosto), tutto molto buono e saporito. 
L'unica cosa a cui si fa fatica ad adeguarsi è il caldo, meglio andare in primavera la prossima volta. Visitare la città con 38 gradi percepiti, non è stata una bella pensata, per questo mi ringraziano tutti i venditori di acqua naturale e bibite che ho largamente arricchito.
Ora vi lascio con qualche foto di Madrid e a presto con qualche ricetta spagnola. Eh si miei cari, ho comprato un libro di cucina anche là, esattamente "la comida de la familia" di Ferran Adria, c'erano tante belle ricette e anche se in spagnolo mi è piaciuto troppo per lasciarlo solo soletto nel negozio di souvenir del museo Thyssen-Bornemisza.

 Biblioteca nacional


Palacio de Comunicaciones


 Traffico cittadino


 Iglesia de San Jerónimo el Real


 Museo del Prado


Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofia  


 Palacio de Velázquez all'interno dell'immenso parque del retiro 


 Palacio de Cristal all'interno dell'immenso parque del retiro


 L'interno del Palacio de Cristal


 Plaza Mayor


Mercado de San Miguel  


 Le ciliegie al mercado de San Miguel, un pò carette non trovate?


 Catedral de Santa María La Real de La Almudena


 Palacio Real 

 Catedral de Santa María La Real de La Almudena


  Avila con le sue splendide mura


Segovia con il suo acquedotto romano


Cattedrale di Segovia


La iglesia de la Vera Cruz di Segovia


E per finire io, stravolta dal caldo

6 commenti:

  1. Meravigliosa Madrid, ci sono stata tre anni fa <3
    Non vedo l'ora che pubblichi qualche ricettina spagnoleggiante ^^
    Besitos

    Zia Ale

    RispondiElimina
  2. Che bei posti, ti invidio! E aspetto anch'io qualche ricetta spagnola.
    P.S.: ho sangre espanol nelle vene, per via di antenati paterni, quindi la Spagna mi ha sempre attirato.

    RispondiElimina
  3. Uhhh!!! Mary bellaaaaaa!!!! ^_________^
    Mi piacerebbe andare in spagna!
    Aspetto delle ricette spagnole!!!! ^^

    RispondiElimina
  4. grazie delle belle foto di madrid è stato come se ci fossimo stati anche noi, spero di andarci personalmente, le ciliegie erano bellissime ma sicuramente care

    RispondiElimina
  5. Bellissima Madrid... l'ho vista con i tuoi occhi.
    Le ciliegie costavano molto per via che fare la piramide ci avrà messo una settimana!!!!! La mano d'opera non la vogliamo considerare?
    Ahahahahah

    RispondiElimina
  6. Macchè ciliegie, sono grandi come susine...!!!

    RispondiElimina