lunedì 14 novembre 2011

Impasto base per la pasta fresca di grano duro

Da buona pugliese non potevo non mostrarvi qualche formato di pasta fresca tipico pugliese, ma prima di passare ai vari formati è d'obbligo farvi vedere come fare l'impasto base. Se farete un impasto perfetto sarete già a metà dell'opera e farete meno fatica a produrre i diversi formati.
Io preparo l'impasto come ho sempre visto fare a mia madre che a sua volta ha imparato da mia nonna, una ricetta di famiglia insomma. 
La ricetta è molto semplice e conta pochissimi ingredienti, esattamente 3: semola rimacinata di grano duro, acqua e sale. E' il caso di dire: pochi ma buoni!
Io preferisco fare l'impasto a mano sulla spianatoia di legno, in questo modo capisco subito, al tatto, la quantità d'acqua che è necessaria aggiungere, cosa che con l'impastatrice non sempre mi riesce perfettamente. L'ultima volta che ho usato l'impastatrice per fare questo impasto, ho iniziato con la macchina e finito a mano, per cui ho sporcato la ciotola per niente (io odio lavare i piatti!).
Per aiutarvi oltre alle foto vi ho anche preparato un video in modo che possiate capire meglio come fare e per quanto tempo lavorare l'impasto.


Ingredienti per 1 persona
  • 125 g semola rimacinata di grano duro
  • acqua (circa 80g)
  • sale 


Riscaldate l'acqua poco più che tiepida e scioglieteci un pizzico di sale. Disponete a fontana la semola rimacinata e versateci all'interno un pò d'acqua. 


Impastate un pochino in modo da amalgamare gli ingredienti.


Aggiungete poco per volta altra acqua, impastando, fino a quando l'impasto non assumerà l'aspetto della foto sotto. Non è detto che la quantità di acqua da aggiungere sia di 80 g, può essere che ce ne voglia di più o di meno. Se aggiungete troppa acqua basterà che aggiungiate un pò di semola, come vedrete nel video è successo anche a me. 



Non vi resta che lavorare l'impasto fino a quando non diventerà bello liscio e premendo con un dito rimarrà la fossetta. Mettete l'impasto a riposare per una ora circa in un sacchetto da congelatore e poi proseguite a fare il formato che preferite.




Se non avete capito bene il procedimento non vi resta che guardare il video:



3 commenti: