mercoledì 28 marzo 2012

Arrosto con sorpresa

Visto che tra poco più di una settimana sarà Pasqua voglio mostrarvi questo arrosto con sorpresa, mi sembra un'idea carina per rimanere in tema di uova di Pasqua e sorprese. La sorpresa sta nel fatto che da intero sembra un normale arrosto, ma poi quando lo si taglia a fette ecco che compare questo ripieno colorato.
E' una ricetta ricca e sostanziosa, un piatto della domenica o delle feste, molto saporito con un ripieno rustico fatto di frittata e mortadella....vi avevo avvisato che era sostanzioso! 
Devo ringraziare Claudio per aver condiviso questa ricetta, che è diventata una delle mie preferite per fare l'arrosto.




Ingredienti
  • 500 g fesa di tacchino
  • 90 g mortadella
  • frittata fatta con 3 uova 
  • olio extravergine d'oliva
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • sale 
  • pepe
  • rosmarino
  • salvia
  • aglio in camicia

venerdì 23 marzo 2012

Garganelli

Una delle mie passioni è la pasta fresca, potendo mangerei solo quella! Per fortuna questa passione non riguarda solo il mangiare ma comprende anche la preparazione a mano di diversi formati di pasta. Ho iniziato dapprima con le orecchiette, poi mi sono fatta prendere la mano e ora sono in grado di preparare diversi tipi di pasta fresca. In questa ricerca di nuovi formati, internet è un validissimo aiuto, vista l'enorme presenza di video dove è spiegato benissimo come fare la pasta, dalla preparazione dell'impasto alla realizzazione dei formati. Provare per credere: basta digitare su youtube  "pasta fresca" è otterrete 2390 risultati, mentre riducendo la ricerca a "pasta fresca fatta a mano" otterrete solo, si fa per dire, 373 risultati. E' impossibile non trovare tra questi filmati quello che fa al caso vostro.
Tra i formati più facili e veloci da fare ci sono i garganelli, se poi si ha una macchina tirapasta, la nonna papera per intenderci, si fa ancora prima. I garganelli sono un tipico formato dell'Emilia-Romagna, per farli usano farina 00 e uova ma io ho voluto creare la mia variante e ho aggiunto un pò di semola rimacinata di grano duro. 




Ingredienti per 1 persona
  • 1 uovo
  • 70 g farina 00
  • 30 g semola rimacinata di grano duro

domenica 18 marzo 2012

Involtini croccanti di salmone

Guardando tra le foto dei miei piatti alla ricerca di qualcosa di sfizioso, poco complicato, velocissimo da fare e soprattutto a base di pesce, ho trovato questi involtini di salmone. Belli da vedere, secondo me, possono essere un buonissimo antipasto oppure un ottimo accompagnamento a un buon bicchiere di prosecco. 
Sono degli involtini di salmone affumicato con un ripieno morbidoso fatto di formaggio cremoso e misticanza e con una copertura croccante di sesamo, a parlarne mi è venuta voglia....mi sa che me li preparo per cena! 



Ingredienti
  • 50 g salmone affumicato scozzese
  • 50 g formaggio fresco morbido, tipo philadelphia
  • insalatina mista: valeriana, lattughino, rucola
  • semi di sesamo

lunedì 12 marzo 2012

Torta carote, cocco e cioccolato

Inizio col dire che ho un brutto rapporto con le torte di carote, ho provato molte ricette ma nessuna mi ha mai soddisfatta in toto. Forse con questa sono quasi riuscita ad avere la mia torta di carote ideale, dico forse perchè, una cosa di questa ricetta che non mi convince c'è, ed è l'olio!!! Mentre la mangiavo mi dicevo che era molto buona ma che le mancava qualcosa, un qualcosa che, secondo me, solo il burro può darle, quindi la prossima volta mi ripropongo di usare il burro al posto dell'olio. 
Come avrete capito non si tratta di una torta di carote semplice perchè oltre che queste tra gli ingredienti ci sono anche il cocco e il cioccolato fondente, che con le carote si accoppiano benissimo.
Questa torta va benissimo per essere mangiata a colazione e a merenda, pucciata nel latte o nel te è la morte sua.




Ingredienti
  • 150 g carote  
  • 200 g farina 00
  • 150 g zucchero semolato
  • 100 g cocco grattugiato
  • 50 ml latte
  • 50 ml olio di semi
  • 100 g cioccolato fondente
  • 3 uova 
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • pizzico di sale

lunedì 5 marzo 2012

Carciofi alla romana

Oggi voglio farvi un post di quelli educativi, proprio da farmacisti fitoterapici.... non ho fatto mica un anno e mezzo di tesi in un NPL (Natural Products Laboratory) per niente! :)
Quindi immaginate di sentire nella vostra testa la musica dei documentari di Piero Angela, anzi voglio fare di meglio e mettervi pure la musica:

 

ora dovreste essere pronti per leggere le innumerevoli proprietà del Cynara scolymus L., nome botanico del carciofo.
Le parti della pianta che si usano in medicina sono le foglie caulinari, ovvero le grandi foglie dentate che crescono lungo lo stelo, mentre la parte che noi mangiamo è il fiore.
I costituenti principali del carciofo sono polifenoli, alcuni derivati dell'acido caffeico (cinarina), flavonoidi, la cinaropicrina (principio attivo amaro) e sali minerali in particolare magnesio, potassio e calcio.
Le attività di questa pianta sono innumerevoli tra cui quella colegoga, coleretica, la cui azione è da ricondurre alla cinerina, protettrice e regolatrice della funzione epatica, disintossicante e diuretica.
Va ricordata inoltre l'azione di questa pianta sul metabolismo lipidico, diminuisce infatti la produzione di colesterolo e di trigliceridi endogeni e ne aumenta l'escrezione. (Campanini E., dizionario di fitoterapia e piante medicinali)

Dopo questa breve premessa, se non avete già chiuso la pagina :D, torniamo alla cucina e a un modo semplice per cucinare i carciofi. Vi mostro questa ricetta tipica della cucina romana per la quale mi sono affidata a una romana, la mia amica di fornelli Donatella. 




Ingredienti per 5 persone
  • 5 carciofi 
  • 2 cucchiai di pan grattato
  • olio extra vergine d'oliva
  • prezzemolo
  • 1 spicchio d'aglio
  • sale
  • 1 limone